Header image alt text

Solo un Servo inutile…

Io credo, adoro e spero

Se evitiamo giudizi anche con chi sbaglia, e proviamo ‘compassione’ e preghiamo, aiuteremo un fratello a pentirsi e ad essere perdonato. — Anonimo

Amami come sei...

diopermano “Conosco la tua miseria, le lotte e le tribolazioni della tua anima, le deficienze e le infermità del tuo corpo:

So la tua viltà, i tuoi peccati, e ti dico lo stesso:
“Dammi il tuo cuore, amami come sei…”.

Se aspetti di essere un angelo per abbandonarti all’amore, non amerai mai.

Anche se sei vile nella pratica del dovere e della virtù, se ricadi spesso in quelle colpe che vorresti non commettere più, non ti permetto di non amarmi.

Amami come sei.

La vita senza l’amore

Categoria Santi  | | Commenti disabilitati

Madre-Teresa-di-CalcuttaLA VITA SENZA AMORE NON HA SENSO

La giustizia senza amore, rende spietati.
La diplomazia senza amore, rende ipocriti.
Il successo senza amore, rende arroganti.
La ricchezza senza amore, rende avari.
La docilità senza amore, rende sottomessi.
La povertà senza amore, rende orgogliosi.
La bellezza senza amore, rende ridicoli.
L’autorità senza amore, rende tiranni.
Il lavoro senza amore, rende schiavi.
La semplicità senza amore, ne priva il valore.
La preghiera senza amore, rende introversi.
La legge senza amore, schiavizza.
La politica senza amore, rende egoisti.
La fede senza amore, rende fanatici.
La croce senza amore diventa tortura.

LA VITA SENZA AMORE… NON HA SENSO

{Madre Teresa di Calcutta)


Non tardare

Categoria Letture  | | Commenti disabilitati

Io dicevo, nel mio sgomento:
“Sono escluso dalla tua presenza”.
Tu invece hai ascoltato la voce della mia preghiera
quando a te gridavo aiuto.

Siate forti, rendete saldo il vostro cuore,
voi tutti che sperate nel Signore.

“Ti istruirò e ti insegnerò la via da seguire;
con gli occhi su di te, ti darò consiglio.(salmi 31,32)

Dio di misericordia, non tardare


Solo con un sorriso

Categoria Riflessioni  | | Commenti disabilitati

E dirò alla gente:
Avete visto il Signore?
Ma lo dirò in silenzio
e solo con un sorriso


Il fuoco dell’argentiere

Categoria Chi è Dio  | | Commenti disabilitati

“Egli si metterà seduto, come chi raffina e purifica l’argento” (Malachia 3:3).

Fuoco-Ferro-BattutoQuesto verso lasciò perplesse alcune donne in uno studio biblico che ebbero un forte desiderio di capire la relazione tra questo verso ed il carattere e la natura di Dio. Una di queste donne si offrì volontaria per cercare di capire il processo di raffinazione dell’argento per poi spiegarlo n ello studio biblico successivo. Quella stessa settimana, la donna chiamò l’argentiere e si fece dare un appuntamento per incontrarlo sul posto di lavoro. Ella non gli disse nulla del vero motivo del suo interessamento al processo della raffinazione dell’argento.  Mentre osservava l’argentiere lavorare, vide che prese un pezzo d’argento e lo pose sul fuoco, lasciandolo surriscaldare. L’argentiere le spiegò che era necessario tenere l’argento al centro del fuoco , lì dove la temperatura era più alta, in modo da eliminare tutte le impurità. A questo punto la donna iniziò a pensare a Dio che tiene al centro del fuoco di una prova e poi ripensò al verso “Egli si mette seduto, come chi raffina e purifica l’argento”.  Chiese all’argentiere se era vero che lui doveva stare seduto lì di fronte al fuoco per tutto il tempo della raffinazione. L’uomo annuì e disse che non solo era necessario stare seduto tenendo l’argento costantemente sul fuoco, ma doveva fissare il suo sguardo sull’argento senza distoglierlo. E continuò spiegando che se l’argento fosse restato un istante di troppo sul fuoco  sarebbe stato distrutto. La donna rimase in silenzio per un momento e dopo chiese: “Come fai a capire quando l’argento è completamente puro?”  L’uomo le sorrise e le rispose: “Semplice, quando in esso vedo riflessa la mia immagine”.

Fratello e sorella, amico e amica, se ti trovi sul fuoco dell’ARGENTIERE, sappi che i SUOI occhi sono costantemente su di te e continuerà a tenerli finchè non vedrà la SUA immagine riflessa in te. DIO VI BENEDICA.


Come una lente

Categoria Santo Curato d'Ars, Spirito Santo  | | Commenti disabilitati

Come la lente ingrossa gli oggetti, così
lo Spirito Santo fa vedere il bene e il
male ingranditi
(Santo Curato d’Ars)


Benedetto XVIRiproponiamo  le pagine del primo tomo del libro “Gesù di Nazaret” di Benedetto XVI che, 10 anni fa, spiegava i termini della questione:

Le parole di questa domanda sono di scandalo per molti: Dio non ci induce certo in tentazione! Di fatto, san Giacomo afferma: «Nessuno, quando è tentato, dica: “Sono tentato da Dio”; perché Dio non può essere tentato dal male e non tenta nessuno al male» (1,13).

Ci aiuta a fare un passo avanti il ricordarci della parola del Vangelo: «Allora Gesù fu condotto dallo Spirito nel deserto per essere tentato dal diavolo» (Mt 4,1). La tentazione viene dal diavolo, ma nel compito messianico di Gesù rientra il superare le grandi tentazioni che hanno allontanato e continuano ad allontanare gli uomini da Dio. Egli deve, come abbiamo visto, sperimentare su di sé queste tentazioni fino alla morte sulla croce e aprirci in questo modo la via della salvezza. Così, non solo dopo la morte, ma in essa e durante tutta la sua vita deve in certo qual modo «discendere negli inferi», nel luogo delle nostre tentazioni e sconfitte, per prenderci per mano e portarci verso l’alto. La Lettera agli Ebrei ha sottolineato in modo tutto particolare questo aspetto, mettendolo in risalto come parte essenziale del cammino di Gesù:
«Infatti, proprio per essere stato messo alla prova ed avere sofferto personalmente, è in grado di venire in aiuto a quelli che subiscono la prova» (2,18). «Infatti non abbiamo un sommo sacerdote che non sappia compatire le nostre infermità, essendo stato Lui stesso provato in ogni cosa, a somiglianza di noi, escluso il peccato» (4,15).

Continua a Leggere…


Perché l’avversario resti confuso

Categoria Letture  | | Commenti disabilitati

San Paolomantieniti sano e irreprensibile, perché il nostro avversario resti confuso, non avendo nulla di male da dire sul conto nostro.

(Tito2)


l’amore soffre

Categoria Locuzioni, Parole dal Cielo  | | Commenti disabilitati

Mi dici, Gesù mio, che l’amore se non soffre e non si sacrifica non è amore

(Madre Speranza


La resurrezione alla fine

Categoria Luisa Picarreta, Parole dal Cielo  | | Commenti disabilitati

luisa piccarretaLa messa ci ricorda la nostra Redenzione, ci parla a parte a parte delle pene che Gesù patii per noi, ci manifesta ancora l’Amore immenso che non fu contento di morire sulla croce, ma volle continuare lo stato di vittima nella Santissima Eucarestia. La messa ci dice pure che i nostri corpi disfatti, inceneriti dalla morte, risorgeranno nel giorno del giudizio insieme con Cristo a vita
immortale e gloriosa. Gesù mi faceva comprendere che la cosa più consolante per un cristiano, ed i misteri più alti e sublimi della nostra santa religione sono: Gesù in Sacramento e la resurrezione dei nostri corpi alla gloria. Sono misteri profondi che li comprenderemo solo al di là delle stelle, ma Gesù in Sacramento ci lo fa quasi con mano toccare in più modi. In primo, la sua Resurrezione; in secondo il suo stato di annientamento sotto di quelle specie, ma pure è certo che Gesù ci sta vivo e vero.

Continua a Leggere…


La questione della conoscenza

Categoria Letture  | | Commenti disabilitati

francescano silenzio meditazioneTante volte mi interrogo sulla verità, e sulla relazione tra questa e la conoscenza, e tra la conoscenza e la Sapienza.

Io sono la via, la verità e la vita …
Io pregherò il Padre ed egli vi darà un altro Consolatore perché rimanga con voi per sempre, lo Spirito di verità che il mondo non può ricevere, perché non lo vede e non lo conosce. Voi lo conoscete (Gv 14)

La Sapienza deriva da “sapore” conoscere il gusto delle cose, sapere ciò che è buono, distinguere, discernere.

Chi ha conosciuto il tuo pensiero,
se tu non gli hai concesso la sapienza
e non gli hai inviato il tuo santo spirito dall’alto?
18Così furono raddrizzati i sentieri di chi è sulla terra;
gli uomini furono ammaestrati in ciò che ti è gradito;
essi furono salvati per mezzo della sapienza (Sap 9)

Chi può immaginare che cosa vuole il Signore?
Dice il libro della Sapienza.
Con la Sapienza guardiamo le cose del mondo alla luce di Dio, conosciamo Dio e la sua volontà. Continua a Leggere…