Header image alt text

Solo un Servo inutile…

Io credo, adoro e spero

Ti baciai nel dolore

By admin
Filed Under Diario  | | Commenti disabilitati

GesùQuando ti incontrai
Ti baciai nel dolore

Tra Braccia di ulivo
Ti ho cercato salendo, graffiandomi tra i grani del ramo proteso
Comparivi un istante candido pudore
Sorridevi nel vento

Ti sfioravo e scappavi
Tra profumati giardini poi tra rovi pungenti ti ferivi e piangevi
Ti ho inseguito affannato, riarso di desiderio
Ma tu dov’eri

Quando ti ho cercato
Mi consumai di dolore

Stizzito ho arretrato
Ho rallentato la corsa, colomba sanguinante, anima mia percossa
Sofferto amore, desiderio offeso
Era amore ma ora è morto, freddo braccio disteso

Quando ho smesso di cercarti
Mi cavai gli occhi di odio

Hai aspettato paziente
Alimentando la fiamma, staccando altro legno, un pianto disarma
guardando dall’alto con le braccia distese
mi hai visto piegato, senza difese

vagando smarrito, ti ho visto piangente
dove sei stato
mio amore gentile
chi ti ha inchiodato chi ti ha coperto di spine
è stato l’amore, fino alla fine

Quando ti incontrai
Ti baciai nel dolore

(Un Servo Inutile)

Quanto amore per Gesù…

By admin
Filed Under Diario, Gesù Cristo, Riflessioni  | | Commenti disabilitati

VI-IT-ART-38693-reuters_abbraccioA volte davanti al Santissimo, dopo aver pregato, spontaneamente, dopo essermi guardato attorno per assicurarmi che nessuno mi stia guardando, bacio il mio Signore portandomi una mano alla bocca … su questo gesto così infantile, ma sincero, così spontaneo e pieno di confidenza e intimità non avevo mai fatto alcuna riflessione.

Adesso leggendo le pagine scritte da Don Michele leggo:

Noi vogliamo, nello stupore ammirato, sentire anche la profonda intimità. Adorazione per i primi cristiani e per le antiche scritture, è dare il bacio, è portare la mano alla bocca per dare il bacio. Vogliamo sentirti vicino, vogliamo stringerti.

e a Torre Nocelle non riesco a togliermi dagli occhi la scena di quel ragazzo Down, che nella sua dolce spontaneità, alla fine della messa si avvicinava al Crocifisso, si portava la mano alla bocca e mandava un bacio al Signore, poi stringeva le sue braccia al suo corpo in un intimo abbraccio a Gesù.. Quanta potenza in questo gesto spontaneo, istintivo… è la prova vivente di un legame amoroso potente tra Dio e le sue creature.

E’ l’istinto della creatura che lo spinge ad abbracciare il suo Creatore.

Dio è Padre

By admin
Filed Under Diario, Letture, Novissimi, Riflessioni  | | Commenti disabilitati

Quando furono messi alla prova, benché puniti con misericordia, compresero come gli empi dovettero soffrire
Sotto un giudizio adirato.
Infatti tu provasti gli uni come un padre che ammonisce, mentre punisti gli altri come un re che condanna
Sapienza 11, 9-10

Dio è un Padre che rimprovera anche aspramente i propri figli, ma solo per ammonire, il suo è un cuore di Padre sempre aperto al perdono.

Dio è amore

By admin
Filed Under Diario, Letture, Riflessioni  | | Commenti disabilitati

Gesù Bambino

Auguri di Buon Natale a tutti…

Possa questo Natale aprire i nostri cuori ai buoni sentimenti,
verso i nostri cari, i nostri vicini e anche verso le persone con cui abbiamo avuto momenti di rancore e di lontananza.

Voglia Gesù Bambino illuminarci e farci comprendere che una parola spesa male è come un sasso tirato per far male, è come un seme destinato a produrre cattivi frutti.

Voglia Gesù insegnarci ad essere più parchi di parole e ad amare di più…

Nulla potrà separarci dall’amore di Dio
(Romani 8,39)

Chi non ama non ha conosciuto Dio, perché Dio è Amore (1 Giovanni 4,8)

 All’empio succede quello che teme, ma ai giusti è concesso quel che desiderano.  (Proverbi 10, 24)
Il timor dell’Eterno accresce i giorni, ma gli anni degli empi saranno accorciati.  (Proverbi 10, 27)

Se ti avvilisci nel giorno della avversità, ben poca è la tua forza.
(Proverbi 24, 10)

Quando il tuo nemico cade, non rallegrarti; quando è atterrato, il tuo cuore non gioisca, perché l’Eterno non veda e gli dispiaccia e non allontani da lui la sua ira. (Proverbi 10, 17-18)

Quando cammini con Dio nulla può farti niente, vai veloce e spedito, ti guardi allo specchio e stai bene con te stesso.
Basta coltivare e innaffiare questo rapporto d’amore, con i sacramenti e la preghiera, e ti ritroverai innamorato di Dio.
Quando ami veramente Dio non ti manca nulla, non ti serve niente.
Nell’abbandono alla sua volontà scopri la potenza di Dio, una cosa potentissima che senti distintamente nel cuore una sensazione di pienezza, una fiamma accesa.

Dio ti da un armatura per cui nulla può scalfirti.
Ti dico con sincerità che l’unica cosa seria di questo mondo è Dio.
Seguire la ricchezza,  il benessere, la cura del corpo e i muscoli scolpiti, sono illusioni misere, che marciranno come tutte le cose dietro cui corriamo scodinzolando in questa nostra epoca di matti che hanno dimenticato Dio.

Dio è amore, noi invochiamo la libertà da lui, vogliamo emanciparci da lui, ma ci smarriamo, ci ammazziamo di odio e poi lo accusiamo di tutto il male del mondo.
Ma Dio può essere male?

“Ad Efraim io insegnavo a camminare tenendolo per mano, ma essi non compresero che avevo cura di loro.
Io li traevo con legami di bontà, con vincoli d’amore; ero per loro come chi solleva un bimbo alla sua guancia; mi chinavo su di lui per dargli da mangiare.
Come potrei abbandonarti, Efraim, come consegnarti ad altri, Israele?”
(Libro di Osea 11,1.3-4.8c-9)

Non ti smarrire, ama Dio sul serio, osserva i suoi comandamenti, cresci spiritualmente e vedrai che non ti mancherà mai niente.
Sarà lui a imboccarti e nutrirti, ti farà da madre e da padre.
Questo è Dio, per come lo conosco io.
A tutti voi, vi chiedo, per favore, quando vi trovate nella disperazione, e vi sentite senza direzione, alla deriva, invocate Gesù Cristo, sapete cosa vuol dire Gesù?
Il significato di Gesù è “Dio salva”