Header image alt text

Solo un Servo inutile…

Io credo, adoro e spero

Terribile è la giustizia di Dio. Ma non scordiamo che anche la sua misericordia è infinita. — San Pio da Pietrelcina

Amami come sei...

diopermano “Conosco la tua miseria, le lotte e le tribolazioni della tua anima, le deficienze e le infermità del tuo corpo:

So la tua viltà, i tuoi peccati, e ti dico lo stesso:
“Dammi il tuo cuore, amami come sei…”.

Se aspetti di essere un angelo per abbandonarti all’amore, non amerai mai.

Anche se sei vile nella pratica del dovere e della virtù, se ricadi spesso in quelle colpe che vorresti non commettere più, non ti permetto di non amarmi.

Amami come sei.

FatimaDurante una visione del 1820, fu rivelato alla beata Anna Caterina Emmerick che Satana sarebbe stato liberato dalla catene circa ottanta anni prima dell’anno 2000. Tale periodo di libertà per l’Angelo decaduto sarebbe durato un secolo.
Questo viene confermato da un messaggio della Madonna di Medjugorje dato ai veggenti il 24 aprile 1982 il messaggio dice :
Cari Figli dovete sapere che satana esiste . Egli si è presentato davanti al trono di Dio e ha chiesto il permesso di tentare la Chiesa per un certo periodo con l’intenzione di distruggerla. Dio ha permesso a satana di mettere la chiesa alla prova per un secolo , ma ha aggiunto :” non la distruggerai”. Questo secolo in cui vivete è sotto il potere di satana ( 1900) , ma quando saranno realizzati i Segreti che vi sono stati affidati -il suo potere verrà infranto. Già ora comincia a perdere il suo potere perciò e diventato più aggressivo distrugge i matrimoni, solleva discordie anche tra le anime consacrate, causa ossessioni, provoca omicidi. Proteggetevi dunque con la Preghiera e col Digiuno, soprattutto con la Preghiera Comunitaria, portate addosso oggetti Benedetti e poneteli anche nelle vostre case. E riprendete l’uso dell’ acqua benedetta . Quando potrebbero concludersi i cento che satana ha disposizione per distruggere la Chiesa.
Continua a Leggere…


Avete ben ragione di non amare le estasi. Certo, bisogna accettarle quando il buon Dio le manda, ma Egli non vuole che si desiderino. Non son queste cose che condurranno al Cielo. Una vita mortificata, umile, è più da desiderarsi e molto più sicura. È vero che molti Santi hanno avuto rivelazioni ed estasi, ma era questa una ricompensa che il buon Dio dava loro dopo lunghe lotte e una vita di rinunzia, od ancora perché voleva servirsi di loro per grandi cose in vista della sua gloria; e tutto ciò avveniva senza strepito, senza fasto, nel silenzio dell’orazione, e, quando venivano scoperti, rimanevano tutti confusi e non ne parlavano che per obbedienza.

Poche persone amano il buon Dio come Egli vuole. Esse, credendo di cercar il buon Dio, cercano se stesse e vagheggiano una santità che non è la vera!
Suor Maria della Croce
 


Purgatorio, le morti improvvise

Categoria apparizioni, Novissimi  | | Commenti disabilitati

PURGATORIO- Le morti subitanee e impreviste sono una giustizia o una misericordia del buon Dio?

R… Codesto genere di morti talvolta sono una giustizia e talvolta una misericordia. Quando un’anima è timida e Dio sa che è preparata e pronta a comparire dinanzi a Lui, per risparmiarle gli spaventi che potrebbe provare all’ultimo momento, la porta via da questo mondo con una morte subitanea. Talvolta anche il buon Dio prende le anime nella sua giustizia. Esse non sono per questo del tutto perdute, ma private degli ultimi Sacramenti o ricevendoli in fretta, senza essersi preparate all’ultimo passo, il loro Purgatorio è molto più doloroso e si prolunga maggiormente. Altre, avendo colmato la misura dei loro delitti ed essendo rimaste sorde a tutte le grazie divine, il buon Dio le toglie dalla terra affinché non vi provochino ancor di più la sua vendetta.
(suor Maria d’Agreda)


Quanto amore per Gesù…

Categoria Diario, Gesù Cristo, Riflessioni  | | Commenti disabilitati

VI-IT-ART-38693-reuters_abbraccioA volte davanti al Santissimo, dopo aver pregato, spontaneamente, dopo essermi guardato attorno per assicurarmi che nessuno mi stia guardando, bacio il mio Signore portandomi una mano alla bocca … su questo gesto così infantile, ma sincero, così spontaneo e pieno di confidenza e intimità non avevo mai fatto alcuna riflessione.

Adesso leggendo le pagine scritte da Don Michele leggo:

Noi vogliamo, nello stupore ammirato, sentire anche la profonda intimità. Adorazione per i primi cristiani e per le antiche scritture, è dare il bacio, è portare la mano alla bocca per dare il bacio. Vogliamo sentirti vicino, vogliamo stringerti.

e a Torre Nocelle non riesco a togliermi dagli occhi la scena di quel ragazzo Down, che nella sua dolce spontaneità, alla fine della messa si avvicinava al Crocifisso, si portava la mano alla bocca e mandava un bacio al Signore, poi stringeva le sue braccia al suo corpo in un intimo abbraccio a Gesù.. Quanta potenza in questo gesto spontaneo, istintivo… è la prova vivente di un legame amoroso potente tra Dio e le sue creature.

E’ l’istinto della creatura che lo spinge ad abbracciare il suo Creatore.


Dio ci desidera

Categoria Letture, Vangelo  | | Commenti disabilitati

«Lo Spirito che egli ha fatto abitare in noi ci brama fino alla gelosia» (Giac 4:5)


Uno sconvolgente esorcismo registrato.

Il Diavolo parla dell’uomo, della salvezza di Dio, della superbia.
I 10 comandamenti: Questa è la legge di Dio, chi la pratica avrà la vita
Il prete lo accusa di non aver osservato la legge, e lui si arrabbia: “Non era mia, è venuta dopo…!!!”
“Lui (Gesù Cristo) giudicherà le vostre azioni commesse, volontarie…”
il prete incalza… “solo le azioni? e i Pensieri, i desideri..”
Il Diavolo risponde: “I pensieri e i desideri sono miei, poi c’è il consenso e la caduta!”
Continua a Leggere…


Quale corona scegliere…

Categoria Angeli, Edvige Carboni, Parole dal Cielo  | | Commenti disabilitati

14680744_1272759596108443_4335817417763023981_nMartedì 17 Maggio

Mi si presentò due corone, e l’angelo mi disse: Di queste due corone, quale vuoi?
Io guardai, e non sapevo quale scegliere; rimasi incerta sulla scelta. E l’angelo mi ripeté: Chi sceglie in vita quella di rose, nell’altra avrà quella di spine.

( dal DIARIO SPIRITUALE DI EDVIGE CARBONI)


225px-Charbel
“Il Signore ha creato ogni essere umano affinché risplen­da, per illuminare il mondo; voi siete la luce del mondo. Ogni  Esse­re umano è una lanterna destinata a risplendere; il signore ha provveduto che ogni lanterna disponga di vetri chiari e trasparen­ti, per permettere a questa luce di risplendere e di illuminare il mondo; ma la gente si cura del vetro, dimenticandosi della luce; si interessa dell’aspetto del vetro, lo colora e lo decora, finché esso diventa torbido, opaco, impedendo così alla luce di risplendere e di conseguenza il mondo è sprofondato nell’ignoranza. Il Signore vuole illuminare il mondo. I vostri vetri devo­no ridiventare trasparenti. Dovreste realizzare il proposito per il quale siete nati in questo mondo”.

 

Continua a Leggere…


«Non perché sono tutti santi, magari lo fossero, ma solo perché sono la continuazione del mio sacerdozio nel mondo tu devi essere sempre sottomessa alla loro autorità sacerdotale; non andargli mai contro, buoni o cattivi che siano» (cfr. Volume I Gesù a Luisa Picarreta)


Riparazione

Categoria Gesù Cristo, Locuzioni, Parole dal Cielo  | | Commenti disabilitati

Pantocrator7“Hai perduto la pazienza? Ripara almeno con due atti di dolcezza… Hai acconsentito ad un sentimento di orgoglio? Compi due atti di umiltà… Hai peccato di gola? Ripara con due mortificazioni di gola… Questa pratica è consolante e gloriosa al mio Cuore. Tu suggeriscila alle anime! Ora comprendi il motivo della elevatezza di certe anime! I cuori delicati, se commettono qualche infedeltà, si affliggono, si umiliano e riparano… Tu forse cadi, non in una piccola infedeltà ma in tante; dopo non te ne dai pensiero, perchè non sono gravi peccati e vai avanti alla grossa. Non essendo tu delicato con me, disprezzando come scrupolosità e piccineria ciò che realmente è infedeltà, puoi pretendere le finezze del mio amore? Le anime delicate, che tu guidi, sono come quegli uccellini, dalle piccole ali, che sanno librarsi molto in alto”. (Gesù al sacerdote)